Budino con le macchie (un sorriso per mamma in 10 minuti)

Partecipazione G.
😐 😐 😡 😡 😡

Eh si, mamma oggi ha avuto una giornataccia.
Adesso è tardi, dovrebbe arrivare tra poco, ma sarà stanca e non allegra e sorridente come al solito. Dovremmo farle trovare un dolcino per tirarla su di morale.

Ma i dolci non li mangia quasi mai…ci tiene alla linea…

Si, va beh e noi ci inventeremo qualcosa di poco calorico…magari un budino, un budino a base di latte che qualcuno chiama anche bianco-mangiare…..Non abbiamo tanto tempo, è l’ideale: si prepara in 10 minuti e poi lo si mette in frigo a raffreddare.
Ed è qui che inizia il dialogo più surreale che mi sia mai capitato di avere con G. perchè lei attacca

Si bella idea…le mucche fanno muh, ma ce ne è una che fa muh-muh

Eh?

Si…le mucche fanno muh, ma ce ne è una che fa muh-muh

G. Non sto capendo niente…anche se balli mentre canticchi questa cosa delle mucche non capisco niente. Allora mi mostra una mucchina delle sue costruzioni a macchie bianche e nere e ribadisce…

Le mucche fanno muh, ma ce ne è una che fa muh-muh…………dai papà è una pubblicità come fai a non capire???

Ah ecco…l’avrai vista dai nonni…sai che da noi la televisione è un soprammobile o poco più…come vuoi che faccia a capire…pubblicità non ne vedo mai.
Ed è qui che la mia pulce mi stronca….4 anni…Quattro anni…anzi 47 mesi….mi dice

Uffa….e non puoi guardare su Internet?!?!

Poi alla fine su Internet ci guardiamo veramente e capisco che vorrebbe fare per mamma un budino bianco a macchie nere…bella idea, oltre che essere dolce le strapperà di sicuro un sorriso.
Ok dai facciamo un budino al latte con macchie al cioccolato…lo facciamo noi però, lasciamo perdere le mucche che fan muh-muh.

In fondo è anche questo il bello di cucinare con i bambini…che hanno sempre un’idea che non ti aspetti 🙂

 

Gli strumenti:

  • Un pentolino antiaderente
  • Un cucchiaio di legno, o ancor meglio una spatola
  • una tazzina da caffè
  • coppette singole per raffreddare e servire
  • una forchetta o una piccola frusta

 

Gli ingredienti:

  • 20 g di amido (frumina, maizena, farina di riso vanno bene tutte)
  • 500 g di latte
  • 100 g di zucchero
  • mezza bacca di vaniglia
  • 15 g di cioccolato fondente (70% o più)

G. scioglie l’amido in una tazzina di latte freddo aiutandosi con la sua amata mini frusta da cucina. Intanto io metto il restante latte sul fuoco con lo zucchero e la mezza stecca di vaniglia aperta in due e porto a bollore.

Papà ma perchè non hai messo tutto il latte, di questo cosa ce ne facciamo?

Se avessi fatto bollire tutto il latte ed avessi poi aggiunto l’amido in polvere faceva i grumi. Invece adesso prendo quel latte freddo in cui hai sciolto la frumina e lo aggiungo piano piano, a filo si dice, al latte caldo. Dato che la polvere è già sciolta non fa più i grumi.
Riportiamo a bollore ed il budino bianco è pronto. Dividiamo in 5 coppette e ne teniamo una piccolissima parte (diciamo 7 o 8 cucchiai) nel pentolino. Aggiungiamo a questo il cioccolato spezzettato e facciamo sciogliere, ottenendo un “budino” nero. Prendiamo un cucchiaino e formiamo le macchie sopra ai budini bianchi, cercando di mandarle un pochino in profondità con il cucchiaino.
Di “budino” nero ne è avanzato un po’, ma non ha avuto modo di raffreddarsi 🙂

Mettiamo tutto in frigorifero a raffreddare, in attesa dell’arrivo di mamma. L’ideale è che ci stiano almeno un paio d’ore. Quando è arrivata mamma ne era passata una soltanto…erano un po’ più morbidi ma comunque mangiabili. Il sorriso di mamma è arrivato, ed anche l’estrema soddisfazione di G.
PS: riguardo all’esigenza che fosse ipocalorico..120 calorie circa a porzione mi sembra un buon risultato per un dolce 😉

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: