Hamburger di soia

Partecipazione G.
😐 😡 😡 😡 😡

Oggi facciamo in piatto vegetariano

Un piatto vegetariano? Cosa vuol dire?

E’ un piatto fatto con solo ingredienti vegetali. Ci sono persone che non mangiano la carne per scelta e quindi mangiano solo cose derivanti dai vegetali. Ma anche loro mangiano i secondi, e soprattutto hanno bisogno di proteine, quindi utilizzano ingredienti che siano in grado di fornirgli le proteine…le proteine sono delle “sostanze” che sono indispensabili per noi uomini, che per esempio costituiscono i muscoli

Ah ho capito…e dove si trovano le proteine? Solo nella carne?

Ci sono proteine di origine animale che si trovano nella carne, nel latte, nelle uova…

E i vegetariani li mangiano latte e uova?

Dipende, ci sono persone che latte e uova li mangiano, ed altri che sono vegetariani che si sono dati regole più strette, che mangiano non mangiano alcun alimento di origine animale, quindi neanche latte e uova. Questo tipo di vegetariani si chiamano vegani…non sono un esperto, ma a grandi linee è così

E quindi come fanno?

Mangiano alimenti ricchi di proteine vegetali…i legumi, il tofu, il seitan (ma questa è un’altra storia). Uno dei legumi più ricco di proteine e più versatile in cucina è proprio la soia che utilizziamo noi oggi…

Ma perchè noi non mangiamo più carne?

No, ma dato che specialmente papà mangia tante proteine…è bene variare un po’ tra queste e usare anche quelle vegetali. La carne non ha solo proteine, ma anche tanti grassi e colesterolo…gli alimenti vegetali in genere no. E poi sai che sono curioso e volevo provare a fare degli hamburger con il granulare di soia.

Il granulare di soia?

Si in pratica è la parte secca che avanza (lo scarto) della lavorazione della soia per ottenerne l’olio. E d ha questo aspetto….poi va bagnato…

Beh beh io non lo assaggio neanche…figurati se mangio una cosa che è lo scarto dell’olio…

Intanto aiutami a cucinare, poi se e quando vuoi assaggiarlo lo decidi tu, lo sai che io non ti forzo…però ti consiglio 🙂

Gli strumenti:

  • Una padella
  • Una ciotola

 

Gli ingredienti:

  •  75 g di granulare di soia (peso prima dell’ammollo)
  • 1 piccola carota
  • 1 scalogno
  • curcuma (o altra spezia) a piacimento
  • concentrato di pomodoro a piacimento
  • 1 uovo
  • pangrattato q.b.
  • odori a scelta

 

Prima di tutto mettiamo in ammollo il granulare di soia in abbondante acqua fredda e ce lo lasciamo per circa 20 minuti. Trascorso questo tempo lo scoliamo e lo strizziamo per bene e lo mettiamo a a soffriggere in una padella in cui abbiamo messo precedentemente lo scalogno e la carota tritate al coltello con un po’ di olio. Aggiungiamo anche gli odori a piacimento (nel nostro caso qualche foglia di salvia che poi toglieremo a fine rosolatura) e lasciamo sfrigolare per qualche minuto, in modo che il granulare di soia si asciughi un po’.

Lasciamo raffreddare quasi completamente e poi lo mescoliamo al concentrato di pomodoro, la curcuma e un uovo. Mescoliamo bene, regoliamo di sale ed aggiungiamo pan grattato fino ad ottenere una consistenza talae d apoter formare facilmente degli hamburger con le mani.

Cuociamo gli hamburger così ottenuti qualche minuto per lato in una padella antiaderente finchè non risultano dorati. Serviamo con un po’ di ketchup…ma potete farne più o meno quel che volete, quel che fareste con un normale hamburger.

La soia ha un sapore neutro, quindi la caratterizzazione di questi hamburger è data dagli altri ingredienti. Sostituendo per esempio la curcuma con curry avrete degli hamburger più “indianeggianti”, oppure potete farli piccanti tex-mex ecc ecc.

Va da sè che l’abbinamento con vino/birra dipende molto da come li avete caratterizzati. Nel nostro caso secondo me stava molto bene una birra rossa, anche dolciastra di stampo belga.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: