Salmone all’arancia e curry

Partecipazione G. 😐 😐 😐 😐 😐

 salmone_curru_apertura_scaled

Oggi è san faustino, l’alter ego di san valentino…il santo dei single. Quindi non poteva mancare un post della rubrica papà neo-single 🙂

E quindi nienti incursioni della piccola cuoca, ma solo una ricetta che a me è tanto piaciuta. L’avevo fatta parecchio tempo fa e mi era piaciuta molto. E’ poi finita (come mi capita spesso, troppo spesso) in uno dei tantissimi post in bozza che costituiscono i miei appunti…e mai pubblicata.

Sabato scorso durante una cena mi è tronata in mente  parlandone con un papà di un’amica di G. di cui ho scoperto in quella sede un’insospettabile passione culinaria. Beh adire il vero, riprendendo poi il post, mi sono reso conto che la ricetta era un filo più elaborata di come l’ho raccontata ad A., ma era solo un difetto di memoria, non certo la volontà di tenerla segreta 🙂 E quindi se A. o qualche altro lettore è interessato ecco una ricetta semplice e veloce, ma molto particolare per fare un figurone con un semplice filetto di salmone…

Gli strumenti:

  • Una padella
  • Uno spremi agrumi
  • Una piccola frusta da cucina

 

Gli ingredienti (per porzione):

  • 1 filetto di salmone
  • il succo di 1/2 arancia
  • 2 cucchiaio di cachaca (se non l’avete rum bianco)
  • 1 cucchiaino raso di senape
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1 cucchiaino di curry
  • 2 cucchiaini di farina di riso (o altro amido..al limite anche semplice farina di grano)
  • 1 cucchiao di pinoli
  • Riso bianco (thai o basmati meglio) e zenzero fresco per accompagnare

Una ricatta davvero veloce: spremete l’arancia e da aggiungete il liquore. Sciogliete all’interno del succo aiutandovi con una piccola frusta il miele, la senape, il curry e la farina di riso.

Mette sul fuoco una padella antiadereante e fatela scaldare bene. Intanto riducete il salmone a dadi non troppo piccoli. Fateli rosolare (senza alcun condimento, il grasso del salmone basterà) nella padella e dopo qualche secondo aggiungete il succo con gli altri ingredienti sciolti dentro. Appena la salsa si rapprende e nappa il salmone come un velo dorato è pronto. Quando è già nel piatto aggiungete i pinoli leggermente tostati in padella.

Se vi piace potrete accompagnare con del riso semplicemente bollito insieme a dello zenzero fresco fatto a pezzetti. Se vi piace molto il sapore dello zenzero potete anche bollire il riso da solo ed aggiungervi alo zenzero grattugiato a crudo, avrà un sapore molto più intenso.

Da bere? Beh secondo me una Caipirinha è davvero perfetta. Se proprio volete stare più leggeri…bollicine pas dosè oppure un vino bianco del sud tipo un Fiano o un Greco di tufo….ma se non dovete guidare…provate la Caipirinha fidatevi 😉

 

salmone_curru_chiusura_scaled

Print Friendly

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: