Pizza romana…una merenda interessante per giovanissimi studenti

Partecipazione G.
😐 😐 😡 😡 😡

pizza_romana_chiusura_scaled

Rieccoci….

Era ora….

Si hai ragione, questa estate abbiamo parecchio latitato dal blog

Beh più dell’estate….io ho intanto ho cominciato le elementari…

Eh già, abbiamo iniziato (perchè insieme a te la iniziano anche mamma e papà) questa nuova avventura, che se tutto va bene durerà una ventina d’anni…e per l’occasione postiamo una ricetta che è l’ideal per la merenda dei giovani studenti che tornano da scuola

Ed è fatto con la nostra cara geneveffa (la pasta madre ndr)

Si, ma nella ricetta metto anche le dosi di lievito di birra per chi volesse fare con quello…

Gli strumenti:

  •  Planetaria (facoltativa, se fate a mano magari riducete di 50 g l’acqua)
  • Teglia da forno 30×40

 

Gli ingredienti:

  • 200 g LM (20g di lievito di birra)
  • 450g di acqua tiepida (+70 se usate lievito di birra)
  • 300 g farina tipo 2 macinata pietra +50 se usate lievito di birra (Potete anche provare con metà farina 0 e metà semola)
  • 400 g di manitoba (350 + 50 vedi procedimento) +100 se usate lievito di birra
  • 15 g di fiocchi di patate (purè pronto)
  • 10 g di sale
  • 15 g di olio evo

Mettiamo in planetaria LM ed acqua e facciamo andare qualche minuto per farlo sciogliere.
Aggiungo le farine ed i fiocchi di patate (tenendo da parte 50 g di manitoba) ed impasto per 5 minuti circa fino ad incordare per bene.

pizza_romana_proc_scaled

Aggiungo l’olio e quindi il sale e incordo di nuovo aggiungendo la restante manitoba (solo se serve ed un po’ alla volta).

Copro e lascio lievitare per 2 ore o comunque fino a più del raddoppio.
Porto su spianatoia infarinata ed 2 giri di pieghe di tipo 1. Formo una palla e lascio lievitare un’altra ora circa coprendo a campana.

Stendo in teglia di ferro leggermente infarinata e dopo una ventina di minuti di riposo inforno a 250 gradi appoggiando la teglia sul fondo del forno per circa 15/20 minuti.

Perfetta se farcita con un salume, ma ottima anche da sola. COn queste dosi viene una pizza romana piuttosto alta (quindi non proprio perfetta nella sua tipicità), che a noi piace molto. Se la volete più bassa e croccante dividete in due l’impasto e stendetela più sottile, dandole magari la classica forma allungata.

pizza_romana_apertura_scaled

Print Friendly

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: