piedini al parmigiano sporchi di aceto balsamico

Questo post mi ha colpito immediatamente, soprattutto perchè è una ricetta che racconta una storia.
Ma anche perchè immediatamente quando ho visto i piedini ho pensato che a G. sarebbe piaciuto tanto fare dei biscotti con quella forma carinissima.
E poi poteva un sito che si chiama manine in pasta rinunciare ad un post che si chiama piedini? 😉  
Quindi stasera glielo ho immediatamente proposto.

Si bello! Dai prendiamo gli ingredienti!

Fermi tutti, non volevo rifare la ricetta originale, ma solo rubare l'idea della forma. Per altro la ricetta di superilmestolo mi piaceva, ma c'è il chianti nell'impasto…non proprio indicato per una bambina di 4 anni.

Poi volevo provare a costruire la ricetta discutendola con G. perraccontare la nostra piccola storia con questa preparazione. Una storia semplice…e ridicola…come solo una bambina di 4 anni può mettere insieme.

Beh sono piedi…devono puzzare di formaggio…ed essere neri sotto…come quando cammino a piedi nudi d'estate

😀 😀 😀 😀 😀 Ok lasciami pensare un attimo…

 

Allora vediamo…diciamo un biscotto salato al formaggio…parmigiano direi…e cosa abbiniamo al parmigiano che li faccia diventare neri sotto? Aceto balsamico?

A me non piace tanto…però usiamolo per farli neri, ma ne facciamo anche qualcuno pulito?

cetro… dai all'opera

Gli strumenti:

  • Spianatoia
  • Planetaria
  • Teglia con carta forno
  • Pennello
  • Tazzina

Ovviamente la planetaria è sostituibile da un buon vecchio impasto a mano, ma ormai sapete che siamo pigri.

 

 

Gli ingrdienti:

  • 65g parmigiano 24 mesi
  • 65g burro morbido
  • 135 g farina
  • 1 uovo intero
  • una mezza tazzina di aceto balsamico

Nota sul balsamico (col senno di poi): noi ne abbiamo usato uno molto giovane, ma sarebbe meglio qualcosa di più denso e saporito. Quindi meglio un balsamico più vecchio o anche una riduzione di aceto balsamico, facendolo restringere per qualche minuto in una padellino. Abbiamo messo burro e parmigiano nella planetaria con il gancio piatto e lavorati per un minuto circa, quindi abbiamo aggiunto la farina e poi l'uovo fino a formare una palla. Si tratta di una pasta simile ad una frolla salata, quindi l'abbiamo fatta riposare per 30 minuti (2 ore sarebbero meglio) in frigorifero. Intanto abbiamo giocato un po' con le bambole 🙂

Adesso sarà pronta? Facciamo i piedini?

A questo punto abbiamo formato i piedini. E' un lavoro non velocissimo e G. si è stancato dopo 2 o 3 piedini, quindi è tornata dalle sue bambole, con la promessa che sarebbe tornata per spennelarli con il balsamico. Forse è una cosa da bambini un po' più grandi, o forse cominciava a non stare bene. Purtroppo la pulce ha qualche linea di febbre da ieri sera 🙁

Comunque formati tutti piedini è tornata pimapante per una delle sue attività preferite in cucina: spennellare.

Messi su una teglia con carta forno, la parte spennellata sul fondo ovviamente dato che è la pianta del piede "sporca".
Infornati a 210/220 gradi per 12/15 minuti, ovvero finchè non hanno un bel colore dorato anche sopra.

Tolti dal forno si fanno raffreddare leggermente in teglia e poi su una grata fino a quando sono completamente freddi. Direi che sono da servire come stuzzichini con l'aperitivo insieme ad altra pasticceria salata.
Ci berrei uno spritz o semplici bollicine. Succo di lamponi, ma ancche arancia o simili (dolce/acido) per i piccoli.

Papà a me non piaciono…neanche questi senza balsamico

🙁 … Pazienza, riassaggerà la prossima volta e vedremo cosa ne pensa (vedi regola 11 per i grandi)…magari un giorno senza febbre 😉 

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: