Piccole torte salate formaggio e pere

Partecipazione G.
😐 😐 😡 😡 😡 

San valentino…la festa degli innamorati o la festa commerciale di fiorai e cioccolaterie? Sembra che questo mondo occidentale sia fatto non solo di feste commerciali governate dal dio denaro, ma anche dalle frasi fatte. In fondo chissenefrega se di festa commerciale si tratta? E’ un’occasione in più per dire “Ti Amo” e per essere felici. Io almeno la vedo così. E grazie alla gentile concessione di G. e soprattutto dei nonni siamo appena rientrati da un weekend di “coccole” termali 🙂 Alla faccia di San valentino, dei fiorai, ed anche dei suoi detrattori.

Dicevamo che è un’occasione per dire “Ti Amo” e quindi, anche questo post è dedicato alla mamma, nonchè adorata moglie del sottoscritto.

Papà, ma queste tortine le abbiamo fatte 2 settimane fa!

Ssshhhh sempre a fare la spia tu! 🙂
Scherzi a parte, è un occasione per dire “Ti amo”, mica deve essere l’unica! Ed è vero queste tortine salate le abbiamo fatte un paio di settimane fa, volendo fare una “coccola” a mamma, facendo qualcosa che fosse nelle sue corde (che ama il salame, ma non ci si strafoga come noi 😉 ), da affiancare a questa ottima torta di rose al salame.

Dai, racconta come le avevamo fatte però!

Si hai ragione…però il post e la ricetta, anche se eseguita qualche giorno fa, restano dedicati alla mamma!!

 

 

Gli strumenti:

  • Spianatoia
  • Planetaria con gancio piatto
  • Mattarello
  • Ciotola
  • Coltello pelucchino per sbucciare e sminuzzare la pera
  • Formine da muffin usa e getta (meglio da muffin che da tartelletta perchè devono venire un po’ alte)

 

Gli ingredienti:

  • 200 g di farina 00
  • 1 uovo
  • 30 g acqua fredda
  • 50 g burro a tocchetti
  • un pizzico di sale
  • 150 g di ricotta
  • 40 g di parmigiano reggiano grattugiato
  • 1/2 pera
  • semi di papavero

Io sbuccio e faccio a piccoli cubetti la pera, mentre G. mescola vigorosamente la ricotta ed il parmigiano in una ciotola. Per farlo usa la sua frustina da cucina preferita, facendo anche un bel pasticcio tutto attorno pe la verità…ma in fondo ci sta, basta fare un bel respiro e ricordarsi che ci si sta divertendo a cucinare con lei…non con un provetto chef o un robot. Quando io ho finito aggiungiamo anche i pezzetti di pera nel composto e lo mettiamo in frigo a prendere sapore.

Sono arrivati i nonni! Io devo andare!

Si certo, finisco io. Da qui in poi continuo da solo, perchè appunto G. aveva un impegno con i nonni. Ma avrebbe benissimo potuto aiutare anche nella preparazione delle tortine, forse sarebbe stato meno veloce, ma comunque avremmo ottenuto il risultato. Comunque tornando alla ricetta..

Metto tutti gli altri ingredienti nella planetaria, e faccio impastare. Lascio riposare in frigorifero l’impasto per 1 ora circa e poi con l’aiuto di un coppa pasta circolare formo 12 dischetti. Ne tiro 6 più sottili e rivesto le pareti delle formine da muffin, riempio con il composto di formaggio e pere, e chiudo con gli altri 6 dischetti.
Bisogna avere l’accortezza di praticare dei taglietti sul coperchio, per permettere al vapore di uscire senza rompere i tortini. Nella foto questi taglietti si intravedono.

Con i ritagli faccio dei cuoricini per la decorazione.

Aggiungo una grattugiatina di parmigiano e qualche seme di papavero per decorare e quindi metto in forno a 180 gradi per 20 minuti circa (i cuoricini meno). Tolti dal forno vanno lasciati intiepidire prima di essere sformati, altrimenti si rompono. Da servire tiepidi, non freddi, altrimenti prevale un pochino l’amarognolo del parmigiano grattugiato.

Col senno di poi si potrebbero apportare delle piccole varianti:

  • tirare la pasta più sottile e ricavare almeno 9 tortini dalle stesse quantità…forse anche 12;
  • sostituire il parmigiano con un formaggio un po’ più delicato.

 

Secondo me si sposano benissimo con un prosecco extra dry.

 

 

 

 

Print Friendly

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: