Ciabattine con farina integrale di farro e pasta madre….e la cucina per bambini

Partecipazione G.
:| :x :x :x :x

In questo periodo la cucina CON i bambini sembra essere di moda. O meglio diciamo che se ne è scoperto il valore pedagogico e quindi in tanti si stanno avvicinando a questo argomento. Molte riviste di cucina gli stanno dedicando rubriche, addirittura una delle più famose uscirà questo mese con una testata dedicata. Idem per trasmissioni televisive e siti internet.

Bene possiamo vedere delle ricette nuove da fare

Si, sono d’accordo con te. E poi papà e mamma sono ben felici di leggere consigli, per integrare quello che abbiamo imparato noi fino ad ora (1 2 3). Come detto più volte, noi abbiamo iniziato per puro divertimento e per fare con te un po’ di sana educazione alimentare, lontana da (passatemi la banalità) fast food e merendine. Come promesso qualche post fa stiamo anche cercando di espandere la sezione “cucinare con i bambini“, che risulta la più letta del sito, ed abbiamo appena aggiunto una pagina proprio sull‘educazione alimentare che cerchiamo di fare con te. Sempre nessuna pretesa di completezza, ma solo quel che facciamo, o meglio cerchiamo di fare….

Tanto io la roba verde non la mangio!

Appunto….

Dai facciamo una ricetta? Usiamo Genoveffa?

Si…per chi non sapesse chi è, Genoveffa è il nome che G. ha dato alla nostra pasta madre.

Prima lasciami solo lasciare un link ai nostri lettori. Di tutte le novità che girano attorno al baby food ce ne è una che è degna di nota. Cavoletto di Bruxelles una delle prime (di sicuro la più famosa tra le prime) food blogger italiane, è diventata mamma ed ha iniziato a preparare le pappe per la sua bimba…come tutto il suo blog la rubrica merita di essere vista, anche perchè nasce da autentica necessità del momento e non dalla moda.

Ma è piccola? Mangia ancora le pappe? Mi piacciono i bimbi piccoli :)

Si è piccola, appunto mangia ancora le pappe. Una cosa diversa da quel che facciamo noi…tu a 4 anni sei ormai grande….

4 e MEZZO!

Appunto….andiamo a fare il pane vah…

 

Gli strumenti:

  • Planetaria
  • Spianatoia
  • Carta da forno
  • pentolino (facoltativo)

 

Gli ingredienti:

  • 300 g pm
  • 600 g farina integrale di farro
  • 340 g di acqua
  • 25 g olio xv
  • 1 cucchiaino di miele
  • 20 g sale
  • semola per la spianatoia

Prendiamo la pasta madre, la rinfreschiamo e ne usiamo quindi 300 g di quella appena rinfrescata. Se come noi siete pigri e rinfrescate ogni 10/15 giorni ovvero solo quando decidete di fare il pane con la pm, meglio fare due rinfreschi e prendere la pm da usare dal secondo rinfresco, altrimenti rischiate di avere un pane piuttosto acido.

Quindi si impastano gli ingredienti insieme nella planetaria e si lascia raddoppiare. Ci vogliono parecchie ore da 4 a 8, a seconda della maturità della pm e della temperatura dell’ambiente.

Passato questo tempo G. prepara da sola i panini, a forma di ciabatte, li passa nella semola e li lascia lievitare ancora per qualche ora. Anche qui devono raddoppiare di volume (circa, anche qualcosa meno). Ci vuole circa la metà del tempo della lievitazione precedente. Ovviamente parliamo di tempi minimi, ma se le lasciate più tempo con la PM non succede nulla di male sopporta bene lievitazioni lunghe (beh non 2 giorni ovviamente).

Si infornano a 10 min a 230 + 15 a 180 gradi (mettendo nel forno anche un pentolino di acqua portata ad ebollizione per avere un po’ di vapore)

Ideali da riempire con il salame! E berci una bella birra :)

Si buono il salame! Io voglio la coca però!

 

 

Print Friendly

Rispondi