Agrodolce di mazzancolle e ananas con riso venere

partecipazione G
😐 😐 😐 😡 😡

Capita anche a voi di aver voglia di qualcosa di sfizioso, ma di volere una cena leggera (e magari avete pochi minuti per prepararla)? Immagino di si. Qui a casa nostra in genere la risposta a questa esigenza è di impronta esotica. In particolare l'agrodolce è quello che più ci sfizia.

Mah…per me la cosa più sfiziosa è sempre la crema di salmone!

Già, da quando abbiamo fatto questi bignè..è diventato il tuo piatto preferito. E me lo fai fare almeno almeno una volta alla settimana…se non di più

Eh se mi piace…mi piace!!

Si si per carità, per te facciamo la crema di salmone. Io e mamma invece vorremmo qualcosa di diverso, con un leggero gusto agrodolce…e magari un pochino scenografico almeno nei contrasti di colore…come si dice anche l'occhio vuole la sua parte.
Quindi oggi ho deciso di fare qualcosa in agrodolce. Qualcosa di colorato, qualcosa con la frutta esotica. Qualcosa che sappia di vacanza, almeno per far finta di essere tra le palme 🙂

Si ma io voglio il salmone!

Ti ho già detto di si, ma ti va di aiutarmi a preparare anche la cena di mamma e papà oltre che il tuo salmone?

Ceeeeerto! Ma vuoi dirmi cosa facciamo?

Beh facciamo del riso nero con gamberi in agrodolce saltati con ananas fresco. E visto che c'è l'ananas (frutta esotica che matura in questo periodo) volentieri rispondiamo all'invito a partecipare a questo contest:

 

 

Gli strumenti:

  • Pentola
  • Padella
  • Coltello e tagliere
  • 1 cucchiaio
  • 1 cucchiaino

 

Gli ingredienti (per 2 persone):

  • 140 g di riso venere
  • 200 g di mazzancolle
  • 200 g di ananas (sono circa 2 fette di 1 cm pulite)
  • 1 cucchiaino di miele
  • 2 cucchiai di aceto bianco
  • mezzo bicchierino di cognac (o rum)
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • olio extravergine q.b.

Il piatto è molto semplice, 20 minuti in tutto di preparazione, praticamente il tempo di cottura del riso venere.

Wow che bello, il riso nero…ma perchè è nero cosa gli hai fatto?

Niente, è una varietà di riso, che si chiama venere che nasce così. Senza alcun trattamento è il suo colore naturale. Tornando alla ricetta…

Innanzitutto G. inizia a mondare il prezzemolo, mentre io metto a cuocere il riso in abbondante acqua salata. Poi pulisco le mazzancolle e taglio due fette di ananas a cubetti di dimensioni simili alle mazzancolle stesse. Metto il gamberi in padella con un pochino di olio, aggiungo un cucchiaino di miele e due cucchiai da cucina di aceto bianco. Dopo 2 minuti di cottura aggiungo l'ananas a cubetti e lascio andare ancora un paio di minuti. Infine aggiungo il cognac e fiammeggio. Spengo il fuoco ed aggiungo le foglioline di prezzemolo che G.mi ha diligentemente preparato.
Scolo il riso, condisco con un filo d'olio e G. diventa protagonista con il suo amato coppa pasta

Finiamo di impiattare con l'agrodolce di mazzancolle ed ananas e siamo pronti per mangiare.

Ovviamente G. con la sua amata crema di salmone.
Da bere? Quella sera noi acqua, ma indicatissimo un gewurtztraminer dell'alto adige che si sposa alla perfezione con i gamberi ed ha profumo di frutti esotici, ananas in particolare. Se si preferisce qualcosa di più fresco ed in contrasto un blanc de blanc se la cava sempre bene 😉

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: