Spinacino ripieno di erbette e nocciole con salsa alla menta

Partecipazione G.
😐 😐 😐 😡 😡

Questa ricetta risale al pranzo di pasquetta di cui abbiamo già pubblicato l’insalata di pasta che ha preceduto questo spinacino

Oh ma come sei lento a pubblicare!

No è che nel frattempo ho pubblicato altre cose, fatte più di recente, non so neanche io bene perché…probabilmente perché i relativi racconti erano molto divertenti ed era bello raccontarli subito…come i tuoi “numeri” dal fiorista 😀 😀
Comunque, figurati, che oltre a questo ci sono ancora gli antipasti di quel pranzo da pubblicare…

Ah però…sei proprio lento papà!

Va beh…torniamo al racconto di quella preparazione. La prima cosa che mi hai chiesto quel giorno è stata:

Cos’è lo spinacino?

Beh spinacino, o semplicemente tasca di vitello, è un taglio di carne che ha un buco….una tasca appunto….in cui noi andremo ad infilare il ripieno. Quindi ne otterremo un arrosto ripieno.

Buono! E cosa ci mettiamo?

Beh un ripieno primaverile, con ricotta, carote, erbette…ed arricchiamo il tutto anche con qualche nocciola

Beh io mangio solo la carne intorno

Guarda che poi lo accompagniamo con una salsina a base di erbette e MENTA…sai che profumo…

Beh io mangio solo la carne intorno

Ok…messaggio ricevuto 🙁
Andiamo a cucinare che è meglio


Gli strumenti: 

  • coltello e tagliere
  • mixer (robot da cucina)
  • Una pentola piuttosto grande
  • Una casseruola che possa andare sia sul fuoco che in forno
  • spago da cucina
  • 1 ago da cucito grande
Gli ingredienti (per l”arrosto): 

  • 800 g spinaciono
  • 500 g erbette
  • 40 g nocciole
  • 1 carota
  • 1 uovo
  • parmigiano q.b.
  • 200 g ricotta
  • pan grattato q.b.
  • 1 cipolla (non va nel ripieno)
  • 1 bicchiere di vino

Ingredienti (per la salsa)

  • erbette 500 g
  • 50 g menta
  • 50 g di nocciole
  • olio q.b. (1 bicchiere circa)

Innanzi tutto sbiachiamo le erbette, sia quelle per il ripieno che per la salsa.

Sbianchiamo?

Sbianchire significa tuffarle in acqua bollente per 1 o 2 minuti, scolarle e raffreddarle immediatamente con acqua fredda o acqua e ghiaccio. Questa operazione ci permette poi di lavorarle con il coltello e di amalgamarle agli altri ingredienti, o di frullarle per fare la salsa. Raffreddandole rapidamente mantengono un bel colore verde brillante, che è importantissimo soprattutto per la salsa.

Per il ripieno io sminuzzo finemente le erbette precedentemente sbianchite con il coltello e taglio la carota a cubetti. Quindi insieme a G. le amalgamiamo in una ciotola con gli altri ingredienti…è un’operazione da fare rigorosamente con le mani, per la gioia di G.

Quindi riempiamo la tasca di vitello con il ripieno ottenuto, avendo l’accortezza di non esagerare, per evitare di romperlo in cottura. A questo punto mi armo di ago e filo (in realtà spago da cucina, non filo 🙂 ) e ricucio l’apertura dello spinacino.
Facciamo anche la legatura “da arrosto” per tenerlo un po’ in forma.

Rosoliamo sul fuoco vivace,  sfumiamo con il vino ed infine aggiungiamo la cipolla tagliata in 4 spicchi. Mettiamo nel forno a 180/200 gradi e cuociamo scoperto per un’ora e mezza, rigirando di tanto in tanto e bagnando con un po’ d’acqua o di brodo.

Prepariamo quindi la salsa tritando tutti gli ingredienti nel mixer. Ci vuole un po’ perché le nocciole devono sminuzzarsi molto finemente. Per evitare che la menta, che a differenza delle erbette è cruda, si ossidi la aggiungiamo solo alla fine insieme ad un cubetto di ghiaccio ed una presa di sale grosso.

A cottura ultimata si lascia intiepidire lo spinacino per qualche minuto e si porta in tavola a fette, accompagnato dalla salsa alla menta servita fredda.

Da bere? Un bianco di discreto corpo oppure un rosso delicato ed elegante come certi pinot nero.

G. ha mangiato solo la carne intorno….

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: