Millefoglie al mango, lamponi e lime curd

Partecipazione G.
😐 😡 😡 😡 😡

 

Allora sveliamo il segreto di ieri?

Beh...l’abbinamento al lime curd di cui parlavamo ieri...è già svelato nel titolo…si tratta di un dolce di Gordon Ramsey, che potete vedere eseguito da lui qui. Tuttavia, come dicevamo ieri noi ne siamo venuti a conoscenza in un altro blog.

Va beh ma come si fa? Ed è lungo?

No è una preparazione veloce, adatta anche alla preparazione all’ultimo istante se si hanno in casa la pasta phillo e qualche frutta da metterci dentro…beh è un curd in frigorifero…o anche un’altra crema…cambiando la frutta si può anche cambiare molto la crema. Ad esempio se si usa una frutta più acida, si può anche osare una crema dolce o molto dolce, ad esempio una crema di ricotta, ma questa è un’altra storia 🙂

Proprio per la loro semplicità (si può anche comprarlo il lemon curd…anche se fatto da soli e con il lime è un’altra cosa) possono anche andare bene per papà neo-single bisognosi di dolcino consolatorio 🙂

Adesso andiamo a mettere insieme il nostro dolce con il lime curd, il mango…e qualche lampone, più per il colore che altro 🙂

Speta speta…non hai ancora detto perchè ci serviva cambiare la crema di ieri…

Usando il lime e lo zenzero invece del limone? Proprio per il lime che esalta il sapore del mango e lo zenzero che lo accompagna alla perfezione. Suggestione nata leggendo il primo libro recensito qui, davvero un capolavoro. Su lime e zenzero dice testualmente (e io non so trovare parole migliori):

Il lime fresco viene spruzzato sul mango maturo, in uno dei migliori abbinamento del mondo. Entrambi hanno gusti intensi, quasi violenti, sebbene le qualità leggermente medicinali del lime siano ben bilanciate dalle note fiorite che condivide con il mango. Il limone, meno intenso del lime, non riesce ad innalzare il mango a simili altezze.

Da qui l’idea…e adesso andiamo a cucinare

Gli strumenti:

  • Un padellino
  • Un setaccio per lo zucchero a velo
  • coppa pasta rotondo da 10 cm
  • un pennello da cucina

 

 

Gli ingredienti:

  • Qualche cucchiao di Lime curd
  • Un piccolo mango
  • Qualche lampone
  • 3 fogli di pasta phillo
  • Burro chiarificato (o burro normale)
  • 1 albume

Stendiamo il primo foglio di pasta phillo, e G. lo spennella con l’albume. CI sovrapponiamo il secondo e G. spennella di nuovo. Stessa cosa con il terzo. Poi con l’aiuto di un coppa pasta ricavo dei dischi di 10 cm, che G. passa nello zucchero a velo da entrambi i lati.

Friggo i dischi così preparati in un padellino con del burro chiarificato (adesso si trova anche nei supermercati, papà prigroni) per pochi secondi per lato. Scolo su un piatto con un po’ di carta aderente. Fate attenzione perchè lo zucchero a velo che si caramellizza in cottura è molt molto appicicoso, per cui non sovrapponeteli MAI, ed anche il passaggio nella carta assorbente deve essere rapido.

Poi insieme alle manine della piccola G. montiamo il dolce: una goccia di lime curd sul piatto per tenerlo fermo, quindi si fanno tre strati alternando i dischi di pasta phillo con un cucchiaio di curd e la frutta. Ricordate sempre che il curd serve, oltre che ovviamente per il busto, per tenere insieme il tutto, quindi mettetene un cucchiaio sotto ed uno sopra ogni strato di frutta. Alla fine spolverizzate di zucchero a velo.

Abbinamento con il vino non semplice, data la spiccata acidità del curd ed il gusto dolce/speziato del mango…direi uno spumante dolce, o anche un demi-sec. Volendo spostarsi su bevande diverse, si potrebbe provare con una caipirinha per richiamare il gusto del lime…anzi mi sono convinto da solo, caipirinha tutta la vita 🙂

Print Friendly

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: